Clando

Perseguitato dalla polizia del suo paese, Sobgui decide di emigrare in Germania per darsi al business dell’esportazione di autovetture. A Colonia si innamora di Irene che lavora con un gruppo di assistenza ai rifugiati politici. I ricordi, il passato drammatico della prigione e della tortura lo assillano continuamente. Anche in Europa, il clandestino Sobgui non trova pace e comincia a pensare di ritornare.